APR
"Farfalle": servizio diurno sperimentale per l’adolescenza
Font Size Larger Font Smaller Font

Il servizio ed i bisogni

Il servizio nasce nell’ambito di una collaborazione con la rete dei servizi aziendali e regionali per rispondere alle criticità relative alla disabilità grave e gravissima in età adolescenziale, nell’ottica di offrire una risposta assistenziale che garantisca una presa in carico globale, con interventi a tutto spessore, modellati in tempo reale sulle concrete necessità dei soggetti con disabilità cognitiva, comportamentale, psichica, neuromotoria o con disturbi della comunicazione e dello spettro autistico, attuata attraverso un “ambiente terapeutico” che colleghi il trattamento del minore al sostegno dei genitori e del contesto ambientale, in un disegno unitario e coerente.

L'obiettivo è rappresentato dal superamento o dal controllo della "disabilità" che il "deficit funzionale" ha causato, per giungere ad una partecipazione con la maggior soddisfazione possibile in ambito familiare, scolastico, sociale.


Le attività

L’intervento riabilitativo si svolge attraverso un intervento semiresidenziale intensivo di diurno sanitario. La strategia d'intervento è di tipo globale e tiene conto degli aspetti fisici, psichici e sociali: ogni momento della vita individuale e dell'intera struttura (compreso il pasto, l'igiene e la cura della persona, ecc.) assume un valore terapeutico-educativo. Le finalità sono abilitative (far emergere abilità) e adattive (utilizzazione delle abilità per favorire l’adattamento del soggetto all’ambiente in cui vive). L’obiettivo generale è il raggiungimento di un livello di autonomia che permetta il parziale inserimento o reinserimento sociale dei soggetti in cura.


La presa in carico: adolescente, famiglia, scuola.

La presa in carico del paziente e della sua famiglia avviene ad opera di un’equipe multidisciplinare che gestisce il progetto riabilitativo nella sua totalità e si occupa anche dei rapporti con la scuola e con i servizi socio-sanitari pubblici. Tutta l'equipe multidisciplinare partecipa alla valutazione clinica globale ed alla costruzione del piano abilitativo/riabilitativo individuale, ciascuno per la parte di propria competenza. Il percorso riabilitativo di ogni paziente viene costantemente monitorato
Gli utenti vengono suddivisi in piccoli gruppi costituiti da 5-6 persone, la cui frequenza è di 2/3 volte alla settimana.Gli interventi vengono attuati in modo mirato e personalizzato, sulla base del piano riabilitativo individuale strutturato e vengono erogati in modo integrato rispetto al minore, alla famiglia, nonché a livello delle agenzie educative frequentate.

Le persone: l'equipe ed i professionisti

L'equipe multidisciplinare è composta da un neuropsichiatra, da uno psicologo e da educatori con specifica formazione per l'età adolescenziale.
Nel servizio operano due educatori e un assistente socio-sanitario.

 

NEWSLETTER




Inviando le informazioni dal modulo (on-line) dichiaro di aver letto e accettato l'informativa


Area Riservata



I NOSTRI AMICI